Hellas Verona di Redazione , 13/05/2022 16:30

La nostalgia di Juric: Due anni fantastici, con D'Amico ho un rapporto speciale VIDEO

TVR_S_Juric_prima_di_Verona_13052022

“C’è ancora tanto da fare e da migliorare, ma sono soddisfatto per le basi che abbiamo messo: sono felice di essere qui al Toro”: così il tecnico del Torino, Ivan Juric, alla vigilia della penultima giornata di campionato, che vedrà i granata impegnati sabato alle 18 in trasferta sul campo del Verona.

E’ la prima volta che il tecnico torna da avversario al Bentegodi, sul campo della squadra che ha allenato per due stagioni. “Lì ho vissuto due anni molto intensi – ricorda -. Ci ho messo tantissimo cuore e arrivi a un punto in cui hai bisogno di cambiare. Ma guardando indietro è stato bellissimo costruire quello che abbiamo fatto e rivedere ancora quello spirito che abbiamo portato”.

Tanti i temi in ballo che riguardano il futuro della rosa granata: “Su Belotti si saprà tutto nei prossimi giorni – dice – mentre Bremer non giocherà queste ultime due partite: ha stretto i denti nonostante i problemi alla caviglia, è giusto che si curi. Al suo posto giocherà Zima al centro della difesa”.

“Diminuito il gap tra Verona e Toro? Tutte e due le squadre, guardando da dove si è partiti con il Verona che aveva una base solida aggiungendo giocatori forti, hanno fatto alla grande. Per essere il primo anno, abbiamo fatto un anno positivo. Il ds Vagnati? Non avrò mai rapporti come D’Amico, siamo persone che la vedono allo stesso modo ed è un’amicizia molto forte. Con Vagnati si discute, ma qui sono dinamiche un po’ diverse: è tutto diverso, ma con Vagnati vado d’accordo e non ho problemi con lui” ha concluso Juric.