Hellas Verona di Redazione , 11/04/2021 19:02

Vighini: Quale sarà il futuro del Verona?

Maurizio Setti

Questo l'ultimo post di Gianluca Vighini dopo la sconfitta contro la Lazio.

"Siamo ad un bivio. E' evidente a tutti i tifosi che è in questi giorni che si gioca il futuro del Verona.

Non è solo la permanenza di Juric sulla panchina dell'Hellas a tenerci con il fiato sospeso. Quello è un presupposto e una conseguenza delle scelte che farà la società. Cos'è oggi l'Hellas Verona nel calcio italiano, qual è la dimensione che può avere questa società e ancora ci sono margini di sviluppo?

Rispondere a queste domande non è semplice perché bisognerebbe essere nella testa e nel portafoglio di chi l'Hellas lo detiene e ne ha la proprietà oggi: Maurizio Setti.

Il Verona è condannato a sperare solo in salvezze tranquille? C'è un'idea di poter scalare posizioni nel calcio italiano? C'è la volontà di evitare l'ascensore paracadutato con la B? Fino a che punto ci si potrà spingere con gli investimenti, ma ancora di più, ed è il nodo centrale, quanto Setti può alzare il budget salariale? Senza un aumento di quel monte è inutile pensare di andare oltre a quanto è stato fatto in questi due anni da Juric. Già è un miracolo partendo dall'ultima e dalla terz'ultima posizione come è successo negli ultimi due anni.

Ma questa è anche un'eccezionale opportunità di crescita. Non è vero che il Verona è condannato a questa realtà. Se permettete il Verona ha un blasone molto superiore dell'Atalanta e se ce l'hanno fatta loro potremmo provarci anche noi.

Setti però non è Percassi, questa non è una colpa del presidente ma solo una constatazione. Che ci rende tutti terribilmente realisti, fin troppo per essere tifosi. C'è una fetta di pubblico che quasi si compiace di questa situazione. Come se fosse vietato sognare, cosa che un tifoso dovrebbe fare a prescindere.

Il Verona è diventata di gran lunga la principale attività imprenditoriale di Setti. Le altre sue attività sono diventate collaterali. Setti è diventato un presidente di professione e quel suo tentativo di avvolgere di romanticismo l'acquisto del Verona si è schiantato davanti ai tre milioni di emolumenti che si è erogato quest'anno come stipendio.

Non si discute qui se sia giusto o sbagliato, ma solo che era una panzane grande come una casa il fatto che Setti si sia buttato nel calcio per amore del pallone. Lo ha fatto per business e per guadagnarci. Quindi, se questa è la molla, potremmo sperare che Setti aumenti ancora di più i fatturati e quindi le opportunità di guadagno. Ma non sappiamo dove sia collocato il suo livello massimo.

Può darsi che sia anche già stato raggiunto da questi due anni straordinari in cui grazie a Juric spendendo pochissimo ha ottenuto grandi risultati.

Può darsi quindi che Setti dica a Juric che più di così lui non si sente di fare e può darsi che Juric vada a cercare altrove l'occasione di crescita. Ma può darsi anche e il mercato di gennaio lo ha dimostrato, che Setti abbia deciso di alzare il livello.

E in questo caso dobbiamo sperare che sia sufficiente per convincere l'allenatore dalle uova d'oro a restare ancora qui e collocare il Verona in una dimensione che solo nei favolosi anni ottanta abbiamo visto in questa città".

Per commentare CLICCA QUI